Richard Stallman a Ancona

E’ con somma gioia che vi annuncio la visita di Richard Matthew Stallman
ad Ancona il 13 e il 14 maggio.

In questi 2 giorni, il padre del software libero, terrà 2 conferenze:

* giovedì 13 ore 17:00 organizzata dall’assessorato all’informatizzazione del Comune di Ancona
presso la sala consiliare dal titolo “Cosa rende l’Inclusione Digitalebuona o cattiva?”

* venerdì 14 ore 10:30 promossa dall’Università Politecnica delle Marche
presso l’aula A7/A8 della Facoltà di Ingegneria dal titolo “The FreeSoftware Movement and the GNU/Linux Operating System”

Entrambi gli eventi sono stati realizzati con la collaborazione dei
gruppi FLOSS Marche[1] e REES Marche[2].

Prego vivamente di diffondere a tutti: amici e non, gruppi di software libero
e non, associazioni, aziende, enti pubblici, scuole, …

Ricordate: più creiamo domanda di libertà e più ci sarà offerta libertà.

Per ulteriori informazioni consultare http://www.flossmarche.org

Realizzazione Dossier Scuola 2010

Il Linux Day 2010 sarà dedicato alla scuola, ed in vista dell’evento il PDP si è preso l’incarico di coordinare i lavori per la realizzazione di un Dossier sul Software Libero nel mondo dell’istruzione.

Attualmente i lavori di stesura si stanno svolgendo sul nostro wiki.

Per seguire le modifiche apportate al Dossier, potete sottoscrivere il feed RSS.

Per praticità riporto gli indirizzi delle sezioni:

Pagina di descrizione

Pagina iniziale

Sezione 1: i motivi

Sezione 2: come fare

Sezione 3: software per la didattica

Sezione 4: casi di successo

C’è bisogno del contributo di tutti, perché il Dossier verrà diffuso nelle scuole e sarà lo strumento principale che permetterà la diffusione del Software Libero negli ambienti scolastici 🙂

Campagna “Caro candidato”

Tratto da http://mf-lug.org/homerun/

In vista delle elezioni regionali del 28 e 29 marzo 2010, il PDP supporta la campagna “Caro candidato”, la quale ha lo scopo di far firmare ai candidati un patto che li impegni a muovere un passo in favore del Software Libero.

In particolare ecco il testo del “Patto sul Software Libero”, preso dal sito:

Sono consapevole che

  • Il Software Libero e le attività di chi lo sviluppa ed utilizza assumono un ruolo chiave nell’era digitale: contribuiscono alla realizzazione delle libertà fondamentali, alla condivisione della conoscenza ed alla riduzione del «divario digitale». Inoltre, il Software Libero è un bene per tutti i cittadini; è uno strumento per rafforzare l’economia, la competitività e l’indipendenza tecnologica dell’Italia e dell’Europa.
  • Il Software Libero è un bene comune, da proteggere e sviluppare. La sua esistenza si basa sul diritto degli autori di rilasciare il loro software congiuntamente al codice sorgente, e sul diritto garantito a chiunque di usarlo, copiarlo, adattarlo e ridistribuirlo, nella sua forma originale o modificata.

Perciò mi impegno a

  • Incoraggiare con i mezzi istituzionali a mia disposizione le amministrazioni ed i servizi pubblici a sviluppare ed utilizzare prioritariamente Software Libero e standard aperti;
  • Supportare politiche attive a favore del Software Libero, ed oppormi ad ogni discriminazione nei confronti di questo;
  • Difendere i diritti degli autori e degli utenti di Software Libero, in particolare richiedendo la modifica di ogni norma che indebolisce tali diritti, ed opponendomi ad ogni iniziativa legislativa che avrebbe questo effetto.

Con un piccolo sforzo possiamo aiutare a diffondere questa campagna, ecco un paio di suggerimenti su come fare:

  • scegliete il candidato per cui avreste intenzione di votare;
  • controllate se ha un sito o – meglio ancora – un profilo su Facebook;
  • inviategli un messaggio pubblico [possibilmente proprio su Facebook, in modo che lo vedano tutti] di questo tipo:

Cara amica/Caro Amico,
come tua potenziale elettrice/tuo potenziale elettore ti chiedo di sottoscrivere apertamente il patto per il software libero proposto da CaroCandidato.it [ http://carocandidato.it ] oppure di spiegare pubblicamente perché non vuoi farlo.

  • poi, se vi va, usate il nostro gruppo di discussione per segnalare chi firma e chi no. Questo passo non è fondamentale: la cosa davvero importante è che sottoscrivano più candidati possibile, di ogni schieramento politico.

Se vi dicono che hanno bisogno di maggiori informazioni oltre a quelle disponibili sul sito di CaroCandidato.it, indirizzateli verso il PDP oppure uno qualsiasi dei tanti LUG italiani, dove certamente qualcuno potrà rispondere con competenza alle loro domande.

Quando non ottenete alcuna risposta, provate a riscrivere dopo un paio di giorni.
Se poi il medesimo candidato dovesse ricevere la stessa domanda ripetuta da più potenziali elettori è assai improbabile che non prenda una posizione.

Domandare è lecito, rispondere è cortesia e di solito, sotto elezioni, i politici tendono ad essere assai cortesi.