I gruppi di Software Libero marchigiani cenano alla Città della Luce di Ripe (AN)

Comunità.

É la parola che descrive la serata appena trascorsa. Ecco come il FLOSS Marche, la rete dei gruppi locali di Software Libero delle Marche, arriva il 28 novembre 2013 con le sue cene itineranti a La Città della Luce.

La città della Luce è una comunità che nasce nel 1996 a Genova, quando un gruppo di studenti di Reiki, entusiasti di ciò che questo metodo sta portando nella loro vita, decidono di fondare il Centro Reiki, un’Associazione Culturale che si pone come obiettivo statutario l’insegnamento, la pratica e la divulgazione di tale disciplina. Trovano una sede ed è l’inizio della Comunità. Col passare degli anni la comunità è cresciuta, al 2013 è composta da venticinque membri residenti e da una decina di ragazzi e ragazze che collaborano, studiano e
frequentano le attività proposte dall’Associazione. Tra le attività vi è spazio anche per l’Informatica Consapevole, che ha come massima espressione ovviamente il mondo del Software Libero e il diffuso sistema operativo GNU/Linux.

Ed è proprio qui che le due realtà si incontrano. In un ambiente permeato di senso di comunità, di aiuto e rispetto reciproco che ha avuto luogo la cena itinerante di novembre del gruppo FLOSS Marche: la rete dei gruppi marchigiani di Software Libero ha infatti da un anno lanciato questa attività per passare gradevoli serate senza gravare su impegni organizzativi, con il semplice obiettivo di conoscersi reciprocamente e visitare i luoghi di origine di ogni gruppo.

Ogni associazione ha inoltre avuto modo di condividere i propri passi già fatti in questa direzione, consapevoli di non volersi fermare qua, ma sostenendosi reciprocamente.

Le cene itineranti del FLOSS Marche continueranno a Macerata venerdì 20 dicembre, aperte a chiunque voglia partecipare, anche se non iscritto ad alcuna associazione, e a chi volesse passare una serata in “buona” compagnia e condividere idee o conoscere persone con cui fare qualche passo insieme per la diffusione del software libero e delle sue ragioni etiche ed economiche.

Chiunque può seguire il FLOSS Marche attraverso la mailing-list http://groups.google.com/group/floss_marche,
oppure può collegarsi attraverso le associazioni per il Software Libero nella propria zona (lista all’indirizzo
http://www.flossmarche.org/wiki/index.php?title=ChiSiamo#ILUGeFSUG nelle Marche); invece per approfondire la realtà di La Città della Luce, la comunità ha organizzato un OPEN DAY CELELEBRATION il 20/21/22 Dicembre 2013 (http://www.lacittadellaluce.org).

Cena del FLOSS Marche alla Città della Luce

Grazie a Giulia per l’articolo, a Luca per la revisione, a Silvio per l’ospitalità e la visita alla struttura della Città della Luce, ad Antonio per fungere da referente e mettere insieme i pezzi per queste cene :)

Mini approfondimento FLOSS, Software Libero e PDP (tratto dal sito beFair)

Riportiamo di seguito un estratto dall’appendice di questo stesso articolo pubblicato nel sito befair.it, perché lo riteniamo un piccolo approfondimento utile con cui tra l’altro siamo anche in condivisione di opinione.

FLOSS è l’acronimo di Free Libre Open Source Software (a volte usato nella forma FOSS) ed è un termine nato per indicare insieme Software Libero ed Open Source. Essi si riferiscono nella pratica una medesima tipologia di programmi (software) per elaboratori basati su determinate caratteristiche, ma differiscono per le motivazioni, le prospettive, le modalità e il target di promozione delle stesse. Per ulteriori approfondimenti:

Il PDP è un FSUG (un Free Software User Group = gruppo utenti di Software Libero) e, analogamente a beFair, predilige il termine Software Libero perché ritiene più importante oggi perseguire l’obiettivo della libertà e il rispetto di ogni individuo. Condivide che la tutela di questi aspetti continueranno a portare, in modo sempre migliore, risultati concreti ed economici. E, cosa molto importante, di un’economia sostenibile da ogni punto di vista, ossia dal punto di vista della sensibilità di ognuno. Pur riconoscendo l’efficacia nell’appetibilità del termine “open source” nell’ambito della produzione e diffusione delle soluzioni, concordiamo con la posizione di Richard Stallman: “Perché l’“Open Source” manca l’obiettivo del Software Libero”

Linux Day: grazie a tutti!

Grazie al Liceo Scientifico V.Volterra che ha ospitato l’evento fabrianese del Linux Day 2013, la XIV giornata nazionale per la promozione del sistema GNU/Linux e del Software Libero con tema “Innovazione di tutti e per tutti”.
Grazie ai 100 ragazzi del Liceo stesso, dell’ITIS, dell’ITCG che hanno partecipato con attenzione alla mattinata.
Grazie a Lorenzo per aver suonato la nostra batteria elettronica fatta di POMODORI, ZUCCHINE e BANANE(!) Grazie a Martina e Sara che ci hanno prestato la loro voce leggendo 2 brani.
Grazie a David e ad Alex che non hanno esitato troppo ad intervenire alle domande.
Grazie al Sindaco che ha portato i suoi tradizionali e consapevoli saluti in apertura della manifestazione.
Grazie per aver espresso il rinnovato sostegno al Software Libero per la città evidenziando, di contro, i problemi legati all’adozione di software proprietario nella Pubblica Amministrazione.
Sono stati menzionati i problemi relativi ai costi delle licenze di software proprietario, e al cosiddetto lock-in (“ammanettamento”/vincoli imposti) da parte delle aziende che non rendono indipendente l’ente nelle tecnologie, nei formati, e nei servizi di manutenzione.
Grazie a chi è venuto nel pomeriggio a partecipare ai nostri laboratori di grafica 3D, musica, reti, lavagne multimediali interattive, esperimenti di elettronica e robotica.
Durante la giornata abbiamo parlato delle basi del Software Libero, della filosofia GNU su cui si fonda, dei vantaggi nella libertà tecnologica.
Abbiamo evidenziato alcune applicazioni (Firefox, VLC, …), abbiamo dimostrato l’installazione del sistema GNU/Linux Ubuntu.
Se dopo 11 anni (dal 2003 a Fabriano) siamo ancora qui a promuovere lo spirito e gli strumenti del Software Libero, non lo facciamo per promuovere un prodotto, né tantomeno perché siamo geni dell’informatica, ma per condividere l’entusiasmo per la conoscenza, per mostrare che il modo migliore per affrontare i problemi è inventarsi le soluzioni, e, per quel che possiamo, infondere speranza soprattutto nei ragazzi, cercando di tramettere che il “think different” appartiene ad ognuno di noi, non solo a blasonate software house che ne hanno fatto motivo per avvicinare nuovi adepti.
In questo critico contesto storico e cittadino ci teniamo ad evidenziare, senza presunzione, che chi di noi si occupa di Software Libero per lavoro non ha ad oggi alcun problema di occupazione.
Al termine di questo Linux Day, possiamo quindi ritenerci più che soddisfatti, dare il benvenuto ai 6 nuovi iscritti e invitarvi a seguirci tramite la nostra mailing-list, il nostro sito e i “social” (per quanto non li amiamo).
Anche se l’esperienza è al solito unica e irripetibile, appena avremo rielaborato i video li pubblicheremo nel nostro canale YouTube.
Grazie
PDP Free Software User Group – il gruppo di utenti di Software Libero di Fabriano

Linux Day 2013

Sabato 26 Ottobre si svolgerà in tutta Italia la tredicesima edizione del Linux Day, la giornata di promozione di GNU/Linux e del Software Libero, in questa edizione dedicata al tema ”Innovazione. Di tutti. Per tutti.“.

L’evento di Fabriano, ormai punto fisso della nostra associazione, non poteva mancare!

Vi aspettiamo quindi presso il Liceo Scientifico Vito Volterra, in via G.B. Miliani 37.

Dalle 8:30 alle 12.45 nell’aula magna al primo piano, presenteremo  il Software Libero ai ragazzi delle scuole superiori di Fabriano,  con la presenza dell’Assessore al Software Libero Mario Paglialunga.

Dalle 15:00 alle 18:30, nel laboratorio di informatica al piano terra, organizzeremo dei laboratori interattivi aperti a tutta la cittadinanza.

La partecipazione è gratuita… ma le donazioni sono ben accette!
La partecipazione è libera… ma gradiremmo se mettessi “partecipo” al nostro evento Facebook.

Il programma in dettaglio:

Mattina – ore 8:30 – Aula Magna 1° piano

  • Saluti e intervento dell’assessore al Software Libero
  • Cos’è il Software Libero?
    Una breve spiegazione che introduce al mondo di GNU/Linux e delle 4 libertà.
  • Installiamo Ubuntu
    Vi mostreremo come si può provare ed installare sul proprio PC Ubuntu, un sistema operativo libero e gratuito.
  • WiiLD OS: LIM
    Vi illustreremo le potenzialità didattiche della WiiLD, la Lavagna Interattiva Multimediale a basso costo, che funziona con il telecomando della Wii.
  • Grafica 3D con Blender
    Blender è un potentissimo programma libero che permette di realizzare rendering 3D e animazioni mozzafiato, da cinema.
  • Il tuo smartphone è sicuro?
    Un intervento sulla sicurezza informatica. Vi mostreremo come si può utilizzare il cellulare per comunicare in modo sicuro ed evitare che chiunque ottenga i tuoi dati personali.
  • Arduino & Makey Makey
    Una divertente orchestra di hardware open e trashware vi mostrerà le potenzialità di Arduino, la scheda elettronica italiana che sta riscuotendo un enorme successo in tutto il mondo.
  • Hacker: uno stile di vita
    La parola hacker oggi viene erroneamente associata dai giornalisti alle persone che compiono crimini informatici. Vi illumineremo con il vero significato di questa parola.

Pomeriggio – ore 15:00 – Laboratorio di Informatica piano terra

Nel laboratorio di informatica del Liceo Scientifico, che abbiamo allestito con Software Libero, potrete provare insieme a noi una marea di programmi aperti e gratuiti e stimolare la vostra creatività.

Questi laboratori si svolgeranno in contemporanea e potrete scegliere quello che vi interessa di più:

  • Utilizza Blender
    Un mini-corso accelerato che vi introdurrà al mondo della grafica 3D attraverso Blender
  • Studio di registrazione con GNU/Linux
    Un esperto di musica vi mostrerà come registrare i brani della vostra band con strumenti liberi e gratuiti
  • Cosa fare quando non funziona internet
    Un laboratorio sugli strumenti di rete messi a disposizione da GNU/Linux, per capire cosa si nasconde dietro un modem ADSL ed una rete WiFi
  • Porta il tuo PC, installiamo Ubuntu!
    Se hai paura di provare Ubuntu e fare danni, puoi portare il tuo PC e imparare ad utilizzarlo insieme ai nostri esperti. Se hai dati importanti che hai paura di perdere, porta il tuo PC dopo aver fatto un backup!
  • Laboratorio Maker
    Potrete mettere le mani sull’Arduino e scoprire le sue mille applicazioni da realizzare in casa.