Tutti gli articoli di fero

Materiale preparazione astronave al MakerCamp

Una speranza educativa

un articolo di Luca Ferroni in risposta a “una malattia educativa” del giornale locale L’Azione

Licenza: Creative Commons Attribution 4.0 (CC-BY 4.0), citare autore e fonte come: articolo di Luca Ferroni per il giornale L’Azione di Fabriano del 15 luglio 2021.

Buongiorno mondo, dall’8 maggio ho tenuto da parte il nr. 19 del giornale “L’Azione” di Fabriano in cui il direttore Carlo Cammoranesi ha portato alla nostra attenzione il tema dell’emergenza educativa in modo ancor più grave e pressante dell’emergenza economica.

Se guardo nella vita di ogni giorno, penso che porre l’attenzione ad essere educatori, vuol dire essere testimoni di scelte coerenti con il nostro percorso di vita. In caso contrario non possiamo ambire a dare un briciolo di speranza a ragazzi e ragazze perché possano realizzare i propri intimi desideri e sogni.

Allo stesso tempo ritengo che per poter dare speranza siano necessari prospettiva, ottimismo, leggerezza e concretezza. Per questo non credo che possiamo gestire in compartimenti separati l’emergenza economica e quella educativa. Difficilmente troveremo l’ottimismo necessario se non avremo il coraggio di sperimentare metodi alternativi per la distribuzione di ricchezza e di risorse.

Il lato positivo è che questa situazione rappresenta un forte punto di partenza in comune. Oggi la vita ci impone di facilitare le relazioni tra di noi, ritrovare valori condivisi avendo finalmente il coraggio di mettere in discussione quelli che ci hanno accompagnato finora. Non è facile che noi lo ammettiamo, ma se un sistema richiede troppa energia per essere mantenuto, vuol dire che le regole che lo definiscono sono  obsolete e va riscritto. Ci può far paura, ma quale senso migliore di vivere se non per lasciare un mondo nuovo e migliore di come l’abbiamo trovato? E così lasciare un bel ricordo di noi.

Quando sviluppo software faccio questo: evolvo i sistemi. Osservo i bug, errori che io stesso ho introdotto, e dopo un po’ li osservo come un’occasione per superare i miei limiti, i pregiudizi che mi hanno portato ad introdurli. Di solito, quando la situazione sembra troppo intricata, la risolvo più facilmente di quanto credessi distanziandomene, accettandola per quel che è ed identificando uno schema comune che fa funzionare bene insieme parti che apparivano come disconnesse e disordinate.

In questo modo sento come se dessi inizio ad una nuova vita, più armoniosa e positiva per tutti: per me, per i miei clienti, per gli utenti finali e per il software stesso, non più costretto a funzionare in modo inefficiente e inefficace. E credetemi che facendo questo mestiere con questo approccio si diventa anche un po’ filosofi! Come fu il nostro pioniere Alan Turing di cui mi piacerebbe un giorno parlarvi…

Per innovare con metodo scientifico parto dall’osservazione del fenomeno. Il dott. Cammoranesi mi ha offfferto un buon punto di osservazione: “un pervasivo malessere diffuso”, una “società narcisistica”, un futuro trasformato “da promessa a minaccia”. Un nichilismo come mancanza di senso derivata anche dai media, modelli culturali e da una certa categoria di cantanti contemporanei. Poi evidenzia la criticità di “ridurre gli insegnanti a trasmettitori di competenze”, e al fatto che gli stessi docenti, “si sentono mortificati in una gabbia burocratica e un paradigma di istruzione che succhia energia e distrae dal compito educativo”.

Io mi sento uno di questi. Ed ecco perché in questo momento ho dei dubbi se proseguire il percorso come docente nella scuola. 

Cammoranesi prosegue con la “paura (dei giovani) di farsi domande”, contrapposta alla “presunzione (degli adulti) che riversando quintali di retorica su temi importanti si ottenga qualche risultato”. E conclude sulla lettura di un ragazzo durante un’assemblea che termina con la frase “E io sono all’inferno”, il cui applauso è stato interrotto con la domanda: “Che fate? Applaudite uno che dice di stare all’inferno?”.

Parole che mi hanno fatto riflettere come padre di famiglia, ex docente e professionista che intende mettere a disposizione le proprie conoscenze per contribuire al bello nel territorio. Parole che scelgo di guardare in faccia con coraggio ed approfondire. Forse non avrei interrotto quell’applauso, ma mi piacerebbe parlarne insieme al MakerSpace della città, magari con il progetto DOORS selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini, nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, e coordinato dal CIES Onlus, il quale si sviluppa su 2 approcci pedagogici contemporanei: pedagogia del desiderio e learning creative learning. Oppure potremmo farlo sempre al MakerSpace semplicemente come individui. Solo noi stessi… in uno spazio dove il tempo si ferma e attraversa le generazioni.

Dal 2014 uno spazio multigenerazionale e multiculturale nella biblioteca di Fabriano. Moderno. Leggero. Per tutte le età. Si formano gruppi di interesse. Si respirano i profumi della Silicon Valley. Si progetta, si gioca, si collabora, con passione. Si ride. Si trascorre il tempo insieme in modo costruttivo. Si fa un percorso. Si creano relazioni con gruppi fuori città: Sigillo, Ancona, Montelupone, Roma, Boston, Salvador De Bahia. È bello.

Uno spazio dove ci può capitare di ascoltare anche la parte viva e divertente dei giovani che se ne escono con frasi del tipo: “per portare avanti un progetto spicy che non sia cringe bisogna prima creare un hype”. Voi lo avete capito quello che ho scritto? 🙂 Io, dalla vecchiaia del mio 42esimo anno, sì. 

A me piace tessere questo filo attraverso i linguaggi, le generazioni e gli interessi e ho scoperto un tesoro bello, unico, che scelgo di non dimenticare mai: siamo solo noi, persone. Alla ricerca di lasciare un ricordo. Serve altro? Credo che questo sia un lavoro utile per il nostro territorio, e mi auguro che qualcuno se ne accorgerà e potrà sostenerlo economicamente con fondi importanti. O anche solo piccole donazioni ci fanno sicuramente piacere. Se condividete potete farle attraverso il sito IoRestoACasa.work

Ma soprattutto dal 12 al 23 luglio i ragazzi del MakerSpace li potete trovare al MakerCamp 2021 organizzato al F-Actory, in via Vittorio Veneto 50, dalle 15:00 alle 18:00. Forse potrete trovare anche me, o forse no, ma che importa? Perché non passate a conoscere questa realtà, portate i vostri ragazzi o vi fermate a giocare solo per la curiosità di incontrarsi? Sono sicuro che se lo farete, potremmo ritrovarci come le star in un nuovo Roxy Bar… e magari senza nemmeno accorgercene. “PIC indolor… fatto? Già fatto” 🙂 … ecco…. forse questa pubblicità i giovani non se la ricordano: un colpo al cerchio e uno alla botte!

Luca `fero` Ferroni per #spicyfabriano

Il nostro primo tavolino in legno

3D con #Blender al MakerSpace in aprile 2021

Luca Ferroni Autore: Luca Ferroni

Blender Mentor: Madalin Andrei Calapod

Blender è un software libero di Computer Grafica, utilizzato in per effettuare modellazione 3D in Animation Movies, e non solo. È disponibile in tutti i sistemi operativi più diffusi ed è dotato di molte funzionalità paragonabili ad altri programmi professionali per la modellazione 3D.

La pubblicazione in software libero e open source di Blender è dovuta a Ton Rosendaal, il principale autore dagli albori e oggi Blender è un progretto con una community molto attiva e numerosa, ed è guidato dalla Blender Foundation.

Potete vederlo in azione in alcuni cortometraggi di animazione realizzati dalla fondazione, come Elephants Dream, Big Buck Bunny, Sintel o altri.

Le nostre prime 4 sessioni su Blender

Ogni sessione di Blender è stata mista ad altre attività del MakerSpace, a seconda del programma delle varie giornate e dell’interesse dei ragazzi presenti. Inizialmente Andrei ha dato l’indicazione ai ragazzi per il download di Blender e ha mostrato alcune combinazioni di tasti (shortcuts) per interagire con l’interfaccia e passare da una modalità di visualizzazione ad un’altra. Ci siamo quindi esercitati e abbiamo appuntato le informazioni più importanti in una lavagna interattiva e condivisa:

Gli shortcuts base di Blender

Innanzitutto gli shortcuts basilari:

  • ROTELLA DEL MOUSE: zoom della scena
  • SHIFT+ROTELLA DEL MOUSE: spostarsi nella scena
  • NUMERI DA 1 A 9: cambio delle visuali (FRONT, LEFT, RIGHT, BOTTOM)
  • CTRL+Z: undo
  • CLICK ROTELLA e SPOSTAMENTO MOUSE: ruotare intorno
  • . (punto): mettere in primo piano un oggetto specifico

Nell’incontro successivo i partecipanti sono stati guidati a creare una sedia e un tavolino

Il nostro primo tavolino in legno

La volta successiva hanno ripetuto l’esercitazione, mentre Andrei è andato avanti per dare un tocco di fotorealismo in più alla scena

IL tavolino fotorealistico di Andrei

E nell’incontro ulteriore sono state fatte sperimentazioni libere per nuove creazioni su Blender, in 30 minuti

Il MakerSpace è un gruppo multigenerazionale e multiculturale in cui i partecipanti sperimentano a gruppi. Non sempre c’è un programma definito e l’obiettivo è quello di realizzare appuntamenti e un luogo di incontro in cui si stia bene insieme sperimentando in modo creativo per il solo gusto di capire come funzionano le cose. Imparando così che ogni sperimentazione ha una sua propria bellezza, sia che risponda alle aspettative iniziali, sia non.

Grazie al supporto dei server liberi del progetto IoRestoACasa.work abbiamo potuto realizzare l’attività online che non ha le stesse potenzialità dell’espressione in presenza, ma ne ha altre, tipo la condivisione degli schermi multipli oppure la partecipazione di personaggi dall’esterno, come in quell’occasione in cui ci siamo trasferiti istantaneamente nello studio di registrazione di Radio Diffusa per un’intervista mentre facevamo attività!

Per conoscere le attività del MakerSpace di Fabriano: https://t.me/mkspace_annunci

Linux Day 2018 in Italia - World Wild Web

Linux Day 2018 – World Wild Web a Fabriano

In occasione del Linux Day a Fabriano quest’anno dal MakerSpace della Biblioteca Multimediale R. Sassi abbiamo preparato un programma veramente WILD!

Apriremo la giornata con la storia del web per addentrarci subito nello SPECIALE CRIPTOVALUTE con giovani esperti della blockchain di BitCoin e FairCoin.

Verranno poi trattati i temi dell’ Industria 4.0 dal rilevamento dati, all’Internet Of Things e le relative problematiche di sicurezza.

Nel pomeriggio ci trasferiremo nel nuovo spazio di co-working presso lo stabile delle vecchie Concerie in via Le Conce per sperimentare insieme guidati dallo spirito e dalle esperienze fatte al MakerSpace della Biblioteca Pubblica di Fabriano!

Ci ritroveremo quindi sabato 27 ottobre dalle ore 9:00 presso la sala Dalmazio Pilati della Biblioteca Pubblica di Fabriano in Largo S. Francesco 1/B con questo programma:

Programma Linux Day 2018 di Fabriano

Tema: World Wild Web

09:00 – Apertura dei lavori per il XVI Linux Day a Fabriano

09:15 – MakerSpace survivors from MakerFaire Rome (Francesco Coppola)

09:30 – La genesi del Far Far Web (Gabriele Burattini)

SPECIALE CRIPTOVALUTE

10:00 – Posso ordinare una pizza con i miei BitCoin? (Alekos Filini)

10:30 – L’ecosistema del FairCoin (Ivan Minutillo)

11:00 – BREAK

CLOUD E SICUREZZA

11:30 – Chi ti conosce meglio di tua mamma? Il cloud (Manfredi Mangano)

11:50 – Internet of Things (Riccardo Serafini)

12:15 – Error 404, security not found (Luca Ferroni)

12:40 – GDPR, questa sconosciuta (Davide Cecchini)

13:10 – PAUSA PRANZO

Spazio pomeridiano al co-working

15:00 – Il Maker Space: amici tra hacking, robot, apprendimento e risate

Barcamp esperienze di MakerSpace al co-working

  • Floppotron
  • L’evoluzione dei ChatterBot
  • Robot fantastici e come crearli
  • Maker Camp

16:30 – Workshop e sperimentazioni insieme

REGISTRAZIONE GRATUITA ALL’EVENTO,
include pranzo a buffet e gadget!

Via EventBrite Via SBW